Orientarsi nel mondo dei pennelli per il trucco non è sempre facile.  Soprattutto perché ne esistono moltissimi, di diversi tipi e  di diverse marche.

E in questa giungla di pennelli può capitare di beccarsi delle sonore fregature. 

Vi è mai successo? A me si!!

Quando ero ancora alle prime armi mi sono fatta tentare da una mega offertona su Groupon. Un set di circa 20 pennelli ad un prezzo molto basso. Poteva essere una ventina di euro, sono passati un pochino  di anni e non ricordo con esattezza. Insomma, un affarone visto che un buon pennello ha un prezzo medio di 10 euro almeno.

E così….comprati, arrivati, scartati e usati….La stesura del trucco era quella che era….risultati veramente discutibili. Dopo pochissimo hanno iniziato a perdere  setole, finchè non mi è addirittura rimasta in mano la parte funzionale, staccata dal bastone…

E da lì ho capito che il pennello conta, eccome se conta! E’ fondamentale per una buona resa del  trucco!

Anche perché le  setole ricordiamocelo, vanno pulite e lavate , altrimenti perdono la loro capacità  di stesura ottimale.

Inoltre possono rovinare alcuni trucchi come la cipria,  andando a depositare il grasso assorbito dalla pelle che, formando un film sulla cipria, le impedirà di generare la classica polvere.

Recentemente ho provato un set di 18 pennelli di Emanuela Biffoli Firenze . Li uso da qualche mese e devo dire che non sono affatto male! Dal punto di vista dei materiali sono molto piacevoli sulla pelle e molto curati. Mi piace un sacco il manico laccato in color legno. Il prezzo di mercato è 49 euro. Direi ottimo poiché la spesa è meno di 3 euro a pennello. Il risultato è garantito. Li ho lavati diverse volte e non perdono ancora setole dopo mesi salvo raramente il pennello per il fard.

Unica pecca, ma questo è  comune nei set pennelli, manca il pennello per il fondotinta, che adopero un sacco!

Quindi ho optato per quello di Douglas. Mi sono trovata bene, setole sintetiche, per un costo di 11,90 euro.

A volte è difficile però da pulire. Specialmente con fondotinta waterproof come quello dello stesso Douglas.

Le ho provate veramente tutte per pulirlo! Qualsiasi detergente anche quello piatti!!!! Il risultato è sempre scarso.

L’unica cosa veramente efficace è stato il bagnoschiuma olio di Eucerin! Me l’ha pulito perfettamente ….

Sicuramente in questi casi (con fondotinta waterproof), andate su detergenti più a base olio possibili!

Da poco l’ho sostituito con il pennello fondotinta Gucci!

Costo sul mercato 45 euro. Lavorato a mano e realizzato con setole sintetiche. Si può utilizzare sia per l’applicazione di fondotinta liquidi sia gel/crema.

Le setole di questo pennello, pur essendo sintetiche hanno una qualità completamente differente da quello Douglas, sono morbidissime e spalmano il fondotinta in maniera più uniforme.

Anche in questo caso mi raccomando la pulizia con detergente delicato, una o 2 volte a settimana.

Il mio consiglio  è di affidarsi  sempre a pennelli di case che abbiano esperienza nel settore o comunque da Brand  noti, senza comprare da chi capita. Non sembra ma IL PENNELLO CONTA!!!!!!